Archimede è un’associazione culturale e di promozione sociale formata da persone, con problemi di salute mentale, psicologi e psichiatri, educatori, esperti e volontari. L’associazione si occupa di: utilizzare l’arteterapia come metodica riabilitativa, reinserire e integrare nella rete sociale le persone affette da disagi mentali, promuovere il diritto di cittadinanza (diritto di esserci nel mondo anche con i propri disagi), fare cultura e informazione sulla salute mentale, lotta allo stigma ed al pregiudizio in campo psichiatrico. Tutto questo viene fatto attraverso una rete di laboratori che operano nel e per il territorio.

L’associazione ha lo scopo di promuovere e diffondere metodologie e applicazioni, risultati e prodotti dell’arte terapia e dei laboratori ludico-espressivi in tutti gli ambiti sociali e culturali in cui la valorizzazione dell’espressività personale risulti essere di particolare rilievo terapeutico, riabilitativo e socializzante; valorizzare l’arte-terapeutica e le su applicazioni come concreto sostegno a forme di linguaggio “globale” fra tutte le diversità ossia attraverso espressioni artistiche (verbali e non verbali) che creano “ponti, modalità comunicative e comuni modi di sentire tra persone diverse per condizioni oggettive e soggettive di vita; favorire, attraverso l’arte terapeutica e i laboratori ludico-espressivi, l’emancipazione e i pieni diritti di cittadinanza in particolare di gruppi sociali svantaggiati; sostenere il coordinamento delle diverse realtà di laboratori, associazioni, organizzazioni del privato sociale e del settore pubblico che operano nell’ambito dell’arte terapia, con particolare riferimento all’area della Provincia e della Regione in cui ha sede l’associazione; promuovere, collaborare e attivare formazione per operatori di arte terapia nei diversi ambiti applicativi per sostenere una elevata qualità dei servizi e per favorire lo scambio di esperienze diverse in un ottica di miglioramenti e di diffusione delle buone prassi; sviluppare il percorso associativo secondo linee che possano indirizzarsi anche vero forme di imprenditorialità sociale, valorizzare le esperienze di arte e di laboratori ludico-espressivi già attivate da anni sul territorio provinciale favorendone lo sviluppo verso gli stessi obiettivi culturali e associativi.